Casina dei Capitani.net    

 

  Chi siamo

  Archivio

  Documenti

  News

  Link

  Contact

  More info

  Presentazione Archivio

  Archivio Storico Casina

  Addio Michele Attardi

  MetaPorteAperte

  In Memoria

  Marina D' Aequa 25 anni dopo

  Il blog Casina dei Capitani

  Marina D' Aequa



 

 
Cose di Mare

«

Queen Mary "La storia"

«

Queen Mary "2"

«

Navi in Ostaggio

«

- Pietro Orseolo

«

- Fujiama

«

- Foscolo

«

- Cortellazzo

«

IMO & Sicurezza

«

Elezioni Casina 2004

«

-Reperto del pir. Capri

«

-ISP CODE

«

- Una tragica….

«

 

«

In Memoria…

 

L'ANNIVERSARIO DEL "MARINA D'EQUA"

29/12/1981 - 29/12/2001

    Sono passati vent'anni da quel tremendo tardo pomeriggio del 29 Dicembre 1981 ed è ancora viva nel cuore di tanti, sopratutto dei parenti, l'angoscia e l'ansia dapprima e poi la costernazione, il dolore e l'orrore per la tragedia andatasi a consumare in quel tempestoso Golfo di Guascogna, immensa  e gelida tomba di tanti marinai fin dall'inizio dell'umanità.

    Su lodevole iniziativa della Venerabile Confraternita del Sacro Cuore di Maria e San Giuseppe del Santuario di San Giuseppe (SANT'AGNELLO) è stata celebrata, il 29 Dicembre scorso , una Santa Messa a cui hanno partecipato i Sindaci della Penisola, i parenti dei marittimi periti nella catastrofe nonché numerose persone e membri delle varie comunità. La cerimonia, sobria e solenne insieme, è stata particolarmente commovente ed ha coinvolto tutti i presenti.

     Al termine della suggestiva funzione è stata poi deposta una corona d'alloro sulla lapide che ricorda e riporta i nomi di tutti gli scomparsi. Sull'onda emotiva che la ricorrenza ci ha fatto rivivere, riteniamo opportuno ricordare e ricostruire quanto avvenuto vent'anni fa.

LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI  - (Dall'Inchiesta sul naufragio - Estratto a cura del Comitato SeaGull - 1984)

Premessa

La Marina d'Equa deve il suo nome alla spiaggia omonima di Seiano, nel Comune di Vico Equense.

Scheda della Nave:

Luogo ed Anno di Costruzione   GLASGOW - 1972
 Nome     BRIMNES  
Tipo Bulk Carrier 
Porto e Numero d'iscrizione Londra - 342248
Stazza Lorda 18.728,04
Stazza Netta 9.877,70
Lunghezza fra le perpendicolari 169,17
Larghezza f.o. 27,09
Altezza di Costruzione 14,10
Immersione massima 10,383
Portata corrispondente 31.907
Classe Lloyd's Register 100 A.1 con possibilità di caricaione con le stive n°2 e 5 Vuote
Stive N° 6 
Apparato Motore Diesel sei cilindri - Potenza 10.600 Hp
Velocità 15 nodi circa
Data d'immatricolazione in Italia 22.02.1980
Porto e n° d'iscrizione Castellammare di Stabia - 107
Nuova Classe R.I.NA  100 A.1.1 OCE
Armatore ITALMARE SpA - PIANO DI SORRENTO
Equipaggio a bordo Trenta persone

  ANTEFATTO

      Il " MARINA D'EQUA" durante la navigazione sul fiume WESER (Germania) tra BREMEN e BRAKE, alle 02.00 del 10.12.1981 subiva un'avaria ai generatori che le procurava un " Black-Out ". Tale fenomeno, comportante l'arresto del Motore Principale, si ripeté più volte nell'arco di circa un'ora; allo scopo di evitare pericolose conseguenze,alle 02.55 fu deciso di ancorare dando fondo all'ancora di sinistra per una lunghezza. Durante la manovra, per effetto della corrente del fiume, la nave ruotò, toccando col lato dritto della poppa sul fondo del canale. Riparato l'inconveniente, la nave proseguì per Brace dove si ormeggiò regolarmente.

    Successivamente, il giorno 11, fu eseguita una visita occasionale allo scafo da parte del R.I.NA. (a seguito dell'incaglio) e confermata nella sua Classe, non essendo emerso alcun danno. Anche l'avaria ai generatori, individuatane la causa, fu  eliminata e dopo opportune prove, tutto fu trovato in ordine.

    Si trasferì quindi ad ANVERSA (Belgio) per imbarcare un carico di lamiere in rotoli (coils) e manufatti  metallici per un totale di Tonn. 30.196 da sbarcare in più porti del Golfo Messico.

IL VIAGGIO (In sintesi)

DATA ORA

DESCRIZIONE DEI FATTI

26/12/81 07,18 Sbarcato il Pilota all'altezza della Boa A1 (largo di Ostenda)
26-27/12   Navigazione lungo il Canale della Manica seguendo le rotte prescritte
27/12/81 11,30 Posizione Lat. 49° N - Long. 04° W
28/12/81 12,00 Posizione Lat. 48° N - Long. 08° W
29/12/81 13,55 Posizione Lat. 45°35' N - Long. 11° W - SOS
29/12/81 14,43 La Nave "THEODORE FONTANE" (Germ.Est) riceve sul canale 16 la chiamata di soccorso del M.d'Equa e subito cambia rotta per raggiungere la nave in pericolo.
29/12/81 14.50 circa Inverte la rotta puntando su Brest, mettendo il mare in poppa 
29/12781 15,36 Le due navi sono in "contatto visivo". e su richiesta del M.d'Equa procedono per Rotta = 070° - Velocità 7 nodi, la nave tedesca in assistenza (Stand-by)
29/12/81 15,47 Giunge sulla verticale del M:d'equa un aereo "Atlantic 4 CZ" dirottato appositamente da altra missione da parte del CECLANT  (Comando dell'Atlantico della Marina Francese di Brest) che conferma la rotta e la velocità delle due navi.
29/12/81 16,34 Via Roma radio Il M.d'Equa comunica con la Società Armatrice.
29/12/81 17,00 Un altro aereo della Marina Francese (CXI) rileva il precedente (4 CZ) che rientra alla base per fine autonomia.
29/12/81 17,44 Il M.d'Equa  chiede che l'equipaggio sia evacuato a mezzo elicotteri.
29/12/81 17,55

Posizione Lat. 45°41'N - Long. 09° 54' W - Le luci del M.d'Equa scompaiono dalla vista della nave tedesca e svanisce l'eco radar. LA NAVE E' AFFONDATA.

    Queste, in modo sinottico, le ore drammatiche del naufragio. Alle 17,55 del 29 Dicembre 1981 a circa  320 miglia a SW di BREST, il MARINA D'EQUA s'inabissava nell'Atlantico in tempesta. 

   Le cause del sinistro furono attribuite, dalla Commissione d'Inchiesta Ministeriale - come fatto iniziale  - al cedimento degli elementi n° 2 e 3 dei boccaporti della stiva n°1 e come causa finale -  al collasso della paratia tra la stiva 1e 2.   

    Il tutto per le proibitive condizioni del tempo instauratesi nei giorni 27, 28 e 29 Dicembre per la presenza di una depressione di 975 mb. (731 m/m) posizionata in Lat. 43°N e Long. 28°W  che provocava, sopratutto il 29 Dicembre, vento da SW forza 10 e mare  da WSW di altezza significativa di 11 metri. Il chè provocò, come detto, dapprima un notevole imbarco d'acqua nella stiva e, successivamente, per lo sbattimento della massa d'acqua penetrata nella stessa stiva n°1, il cedimento (collasso) della paratia stagna fra la stiva 1 e 2, con conseguente perdita di galleggiabilità e quindi l'affondamento della nave.

Nel tragico epilogo, persero la vita trenta uomini di mare,il più giovani dei quali aveva solo diciassette anni.

   Questo il triste elenco:

Grado Cognome   Nome Luogo d'Origine
1 Comandante MASSA Michele Torre del Greco
2 1° Ufficiale BUONOCORE Anselmo Meta
3 2° Ufficiale ESPOSITO Raffaele Meta
4 3° Ufficiale CASTELLANO Costantino Meta
5 All.Uff.Cop. PISANO Gennaro Sorrento
6 All:Uff.Cop. S.N: LAURO Salvatore Piano
7 Radio Telegr. POLESE Salvatore Torre del Greco
8 Dir. di Macchina GAGLIARDI Tullio Meta
9 1° Macch. CIBELLI Pietro Procida
10 2° Macch. VISAGGIO Giuseppe Procida
11 3° Macch. MARESCA Luigi Meta
12 All.Uff.Macch. RUGGIERO Giovanni Meta
13 All.Macch.S.N. VINACCIA Angelo Sorrento
14 Nostromo CIOFFI Luigi Piano
15 Marinaio TORTORA Guglielmo Torre del Greco
16 Marinaio PALOMBA Raffaele Torre del Greco
17 Marinaio TORTORA Luigi Torre del Greco
18 Marinaio D'ELIA Giuseppe Piano
19 Marinaio QUINTANA CORREA Carlos Santiago (Cile)
20 Mozzo PEPE Michele Meta
21 Mozzo S.N. VINACCIA Francesco Piano
22 Caporale SCOTTO di MARRAZZO Giuseppe Procida
23 Operaio AVERSA Antonino Meta
24 Elettricista D'ANGELO Ciro Meta
25 Fuochista CIOFFI Antonio Piano
26 Giov. Macch. ESPOSITO Maurizio Meta
27 Cuoco ESPOSITO Antonio Meta
28 Picc. Cucina CACACE Pietro Massa Lubrense
29 Garz. 2^ GELZO Antonino Massa Lubrense
30 Piccolo PAESE Antonio Meta

     E' nostra intenzione redigere in futuro un più ampio testo con maggiori dettagli e considerazioni tecniche. 

     Alle trenta vittime ed alle loro famiglie, vada  la nostra commossa partecipazione ed il nostro vivo cordoglio.

 

F.IMPERATO

 

 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
   

Casina dei Capitani - Via Municipio 11 - Tel/Fax 081 532 18 34 -